Obiettivi raggiunti, maggio 2018, Comunità giovanile Possibilmente

La Comunità “Possibilmente. Nuovi spazi possibili per la mente” da progetto ha i seguenti obiettivi:
  • promuovere attività ed iniziative tese alla crescita culturale e sociale, all’evoluzione dell’individuo e allo sviluppo del senso di collettività e di condivisione
  • favorire l’inclusione sociale e l’integrazione, 
  • contrastare l’emarginazione, la discriminazione e il bullismo
Per arrivare a tali obiettivi, ad oggi abbiamo:
  • programmato incontri ed eventi in collaborazione con Scuole di Teatro (Artju, Metamorfosi, Matemù- Cies), realtà artistiche, progetti culturali (Centro Boncompagni 22, La Scienza Coatta)
  • tenuto incontri specifici su e per la co-progettazione; favorito la partecipazione dei giovani attraverso laboratori e workshop finalizzati alla produzione di progetti o prodotti a lungo termine (laboratorio video, laboratorio educazione ambientale, laboratori di riuso creativo)
  • tessuto una rete di realtà interessate ad interagire a vario livello con la Comunità Giovanile per ampliare al massimo la partecipazione e nello stesso tempo a raggiungere i giovani “a rischio disagio” cioè più vulnerabili rispetto a fenomeni di esclusione sociale, emarginazione.
  • stipulato protocolli di intesa* con Asl Roma 1; CAS Marcellina, progetto Refugees Welcome, Solidarius Onlus , ReBike Altermobility, Caritas, Comitato di quartiere Sallustiano, Croqquer
  • incontrato realtà che si occupano di accoglienza, diversità, inclusione sociale come i Centri di Accoglienza “Astalli” e “Marcellina”, l’Associazione “Come un Albero”, il DSM della ASL1
In particolare per realizzare tali obiettivi, il progetto ha già realizzato diverse attività, tutte indirizzate a soggetti in condizioni di fragilità (si veda la premessa sulle condizioni di disagio sociale) relative alle seguenti aree:
Formazione e cultura
  • Mostre e laboratori artistici
  • Workshop Videomaking
  • Incontri formativi in su diversi argomenti
    1. Comunicazione social: 
    2. Pittura e disegno a mano libera: l’arte come strumento sociale. Disegnare futuro. 
    3. Linguaggio teatrale: scrittura, lettura e interpretazione. 
    4. Artigianato e lavori manuali: piccole formazioni su riciclo, riuso e artigianato rivolte ai partecipanti alla comunità giovanile. 
    5. Lingue e tandem linguistici: scambio di competenze linguistiche per abbattere le frontiere, agire localmente e pensare globalmente. 
  • Workshop
    1. Laboratori di Cittadinanza attiva: partecipazione attiva e cittadinanza. Opportunità di nuova socialità. 
    2. Laboratori di autoproduzione: laboratori manuali per imparare a produrre, da soli e in gruppo, prodotti cosmetici, detersivi naturali e preparazioni gastronomiche. 
    3. Workshop di progettazione condivisa
Risultati raggiunti:
  • spazio accogliente e inclusivo
  • occasioni di crescita personale, professionale e culturale
  • conoscenza e approfondimento di realtà che condividono gli obiettivi della Comunità Giovanile
  • coinvolgimento in attività di cittadinanza attiva 
  • occasioni di progettazione personale e collaborativa

Commenti